lunedì 1 dicembre 2008

Marco (o comunque ti chiameranno)

Mancano pochi giorni, forse poche ore. Poi uscirai fuori dal corpo che ti ha impastato e ricamato.
E sarai tu ad impastare e fare un'altra volta nuovi i volti di tua madre e tuo padre, stanchi e segnati dalla paura che ti succeda qualcosa (li hai tenuti sul filo, in verità). Sarai tu a dare vita nuova alle loro prime rughe.
E con loro ti aspettiamo anche noi, perché il tuo affacciarti è segno che la brezza leggera continua a portarci il respiro di Dio.

4 commenti:

  1. CARMINE DI VIRGILIO1 dicembre 2008 08:55

    MARCO E' NATO ALLE 04,40 CIRCA, LA ZIA VALE ERA CON LUI, LA SUA MAMMA E IL SUO PAPA'.
    BENVENUTI NEL CLAN DEI TERZIPARI (ATTEMPATI).
    CHE DIO BENEDICA QUESTI SUOI FIGLI E CHE DIA A NOI GENITORI LA FORZA DI ACCOMPAGNARLI IN QUESTO MAGNIFICO MONDO.
    LO ZIO CARMINE, MATTEO, ELENA E CLARA TI DANNO IL BENVENUTO, BUON GIORNO OTTAVO NANO.

    RispondiElimina
  2. Il klero esulta e si unisce al coro degli auguri. Veremante "hai fatto l'uomo come un prodigio"!
    Ehi, dottori, è vero che non c'è due con tre senza tre e ci può essere il tre per chi è già a due?
    Saluti anche dal mio ufo.
    don Paolo

    RispondiElimina
  3. Che bello poter dire che mancano poche ore all'arrivo di un piccolo viso nuovo!
    Una cosa talmente naturale, così scontata che, come tale, a volte rischia di perdere un pò del suo fascino. Purtroppo...
    Stare sulla soglia in un'attesa lunghissima è qualcosa di devastante...
    Ma questo succede solo a pochi, fortunatamente per gli altri...
    Auguri al piccolo e ai suoi genitori!

    RispondiElimina
  4. @anonimo
    Un augurio così penso valga doppio: riferirò con piacere. E mi è caro il fatto che qui sia stata con-fidata una pena.

    RispondiElimina